Sulla Francigena da Roma verso sud

buona 2

Qualche giorno fa ero sulla via Francigena, la seconda tappa a sud di Roma, 20 km di sentiero da Castel Gandolfo a Velletri. I luoghi del silenzio e del respiro, di un altro vivere possibile, di un’Italia essenziale che dimentichiamo troppo spesso, e raggiungiamo quasi mai…

Avendo un solo giorno, ho scelto una tappa che all’andata e al ritorno mi permette di prendere facilmente il treno da e per Roma. Si parte dal soleggiato centro storico di Castel Gandolfo, con lo svettante palazzo residenza estiva dei Papi, e si prosegue in cresta su strada uscendo dal paese fino ad imboccare un fresco sentiero nel bosco, sospeso sul lago di Albano, al quale si apre con scorci mozzafiato. Il blu intenso del lago raccolto in questa conca verde tra i colli trasmette pace, nient’altro che pace e silenzio vivifico.

La tappa è divisa in due dal borgo medievale di Nemi, arroccato e fortificato, dove numerose botteghe propongono le tipiche tortine con crema e fragoline di bosco. A Nemi si arriva attraversando un bosco scuro, fitto e a tratti selvaggio, dove sono evidenti i segni di cinghiali in quantità. Si comincia a uscire dal bosco quando si incontra una placida fonte di pietra che dà la sensazione di essere viandanti medievali.

I colli boscosi che separano Nemi da Velletri si rivelano pieni di sentieri e vecchie strade boscaiole, che confondono e portano più volte a smarrire il sentiero, non così ben segnato in questo tratto poco battuto.

La via Francigena merita sempre, va scoperta tratto per tratto, senza mai smettere. Ricucire con i piedi luoghi con una storia così lunga, riscoprendo il ritmo lento del viaggio, senza scorciatoie, porta una conoscenza fisica dei luoghi, una ricerca di senso e un’osservazione di vite piccole, nascoste, importanti.

WP_20150701_004

Pubblicato da Giandil

Un viandante, narratore e cantore, in cammino e in ricerca dell'armonia del viaggio-incontro. Sulla via del ramingo, nel rifugio della semplicità. Giacomo D'Alessandro (Genova, 1990) vive a Genova e Pavia. Ha frequentato il Liceo Classico Colombo, studia Comunicazione Interculturale e Multimediale all'Universitá di Pavia e Scienze Religiose all'Istituto Superiore pavese. Appassionato di libri, viaggi e incontri, scrive articoli e commenti d'attualitá sul blog www.fiatocorto.blogspot.com, e racconti di fantasy e narrativa (alcuni pubblicati nella raccolta "Il Canto di Osner e altri racconti" (ed. Albatros Il Filo, 2010). Nel 2006 ha creato il blog www.cantodelramingo.splinder.com, un luogo e diario di camminate, pensieri e spiritualitá. Una naturale fortezza per raminghi di ogni tipo e provenienza.